Il Botulismo


Si tratta di una tossinfezione alimentare, una malattia interessante l’apparato gastroenterico dovuta al Clostridium Botulinum, il quale produce una tossina, resistente all’azione dei succhi gastrici dello stomaco, la quale produce gli effetti morbosi. Perché si produca la tossina è necessaria una temperatura di 22-27 gradi a un PH 4-5 e in mancanza di ossigeno. Poche persone si ammalano di botulismo, cioè è un evento abbastanza raro, ma fra chi si ammala la mortalità è molto alta (70%). Gli alimenti responsabili di questa malattia sono soprattutto quelli conservati in scatola e le conserve fatte in casa, queste ultime perché effettuate con metodi insicuri di sterilizzazione, e perché ambiente che si viene a creare è quello ideale per la produzione della tossina. Si può avvertire la presenza della tossina quando si apre la conserva per via dell’odore acre che questa emana it.wikipedia.org. L’incubazione della malattia è di 12-30 ore, con un massimo di tre giorni; i sintomi sono: soprattutto neurologici e si manifestano a livello dell’occhio con strabismo e diplopia (percezione di immagini doppie); può colpire anche la faringe. In seguito compare una paralisi flaccida che si manifesta con debolezza dei muscoli striati particolarmente evidente a livello del collo e dei muscoli respiratori. Spesso sono presenti blocco intestinale e ritenzione urinaria. Nonostante la gravità della malattia i pazienti sono coscienti e privi di febbre.

Come profilassi è bene evitare di mangiare cibo in scatola contenuto in barattoli rigonfiati o che all’apertura lascia uscire gas; o se il cibo contenuto nella scatola presenta una decolorazione. La prognosi della malattia è nella maggioranza dei casi di morte per paralisi respiratoria, può avvenire anche dopo sole 48 ore dalla comparsa dei sintomi, La convalescenza dura settimane o mesi a seconda della gravità dell’infezione (dipendente spesso dalla quantità di cibo ingerita).
L’accertamento diagnostico si effettua per lo più dal cibo incriminato, somministrando un filtrato del cibo a un topolino, il quale dopo un certo tempo presenta paralisi motoria e quindi muore, ma questa prova richiede 2 giorni di tempo, spesso un tempo troppo lungo per il paziente. Le tossine possono essere di 5 tipi (A-B-C-D-E-F). L’unica terapia consiste nel somministrare siero antitossina al paziente, in dosi elevate e per lunghi periodi di tempo; può essere utile conoscere a tossina responsabile dell’infezione per somministrare il siero più opportuno. In commercio si trova solo siero anti A-B, anti-E e anti-A-B-E (tossine patogeno per l’uomo).

Rate this post